Visti e passaporti

Bookmark and Share

I cittadini italiani possono soggiornare in Ecuador senza visto per un periodo massimo di 90 giorni, disponendo però di un passaporto valido almeno sei mesi dalla data di arrivo nel paese. Si dovrebbe tenere sempre con sé il passaporto, poiché talvolta sui mezzi di trasporto pubblico vengono controllati i documenti dalle forze di sicurezza. Se non si è in grado di dimostrare la propria identità, si corre il rischio di essere arrestati.
I turisti, oltre al passaporto, devono avere con sé un permesso turistico di soggiorno, valido dai 30 ai 90 giorni, detto modulo T-3, che si ottiene gratuitamente all'arrivo nel paese, o direttamente sull'aereo. Questa carta deve essere completata con i dati personali del turista, e l'itinerario di viaggio; questa carta è inoltre necessaria per eventuali estensioni del viaggio, per i controlli dei documenti e per lasciare il paese. Se la si dovesse perdere, è necessario richiederne un altra all'ufficio immigrazione di Quito o Guayaquil, oppure al valico di frontiera dalla quale si esce dal paese.
Al momento dell'arrivo, esibendo il biglietto di ritorno, le forze di sicurezza dovrebbero concedervi il numero di giorni che desiderate; verrà così apposto un timbro di entrada identico sia sul passaporto che sulla carta.
Per uscire dal paese, oltre che al passaporto e alla suddetta carta, ufficialmente bisogna esibire anche un biglietto di ritorno o di proseguimento del viaggio, e dimostrare di avere denaro sufficiente per farlo (calcolato in US$20 al giorno). Questa normalmente è la legge, anche se non sempre viene applicata. Inoltre, è bene ricordarsi di non presentarsi al confine con l'aspetto di chi non si lava o non mangia da una settimana, poiché probabilmente i controlli saranno più severi.
Un'accortezza prima di partire: fotocopiare tutti i documenti importanti (pagine del passaporto con i dati personali e il visto, biglietti aerei ferroviari e degli autobus, carte di credito, polizza di viaggio, patente di guida e quanto altro) avendo cura di tenerli separati dagli originali.